Tag Archivio per: Arte

Tag Archivio per: Arte

LE MECCANICHE DELLA MERAVIGLIA

Tra gli otto artisti di fama nazionale e internazionale chiamati a in­tervenire con installazioni site-specific in diversi luoghi della città di Brescia e del comune di Puegnago del Garda per le Meccaniche della meraviglia, Giulio De Mitri, con l’instal­lazione ambientale Visioni ina­spettate 2020, visibile dal 12 settembre all’11 ottobre nella prima sala del Museo Diocesano.

Il buio, il silenzio, la stasi e l’immobilità sono i temi sui quali intervengono gli artisti Giulio De Mitri, Arthur Duff e Filippo Centenari, ospiti delle sale Amigoni affacciate sul chiostro del Museo Diocesano di Brescia: al centro della loro indagine la luce, nelle sue declinazioni di visualizzazione, decontestualizzazione, intervento e ridisegno dell’ambiente, ponendosi nelle Visioni inaspettate di De Mitri come suggestiva e fluida dimensione spirituale e onirica, nelle Fratture di Centenari attivatrice di nuove relazioni alchemiche tra i materiali e gli oggetti, in Origo di Duff messa in crisi dei paradigmi narrativi e dei codici di lettura dello spazio e del tempo.

Orders – Premio Nocivelli

La mostra collettiva dedicata ai vincitori del Premio Nocivelli 2020, inizialmente programmata per novembre e di seguito febbraio ha una nuova data, sarà inaugurata il 4 giugno 2021 a Brescia.

Il Premio Nocivelli è un concorso d’arte contemporanea organizzato dall’Associazione Culturale Techne creata nel 2009 dalla famiglia di Luigi Nocivelli, per dare continuità, grazie soprattutto ad attività di promozione e diffusione, alla sua passione per l’arte e la cultura italiane.
Oltre a contare con il supporto della Regione Lombardia, dalla Provincia di Brescia e dai Comuni di Brescia e di Verolanuova (BS), negli anni l’Associazione Culturale Techne ha allacciato partnership con istituzioni importanti nel mondo dell’arte come l’Accademia di Belle Arti Santa Giulia, la Fondazione Ugo Da Como, l’Associazione Artisti Bresciani, la Fondazione Provincia di Brescia Eventi e Palazzo Monti tutte impegnate nel promuovere e incoraggiare la cultura.
Il concorso ha una scadenza annuale e gli artisti possono iscrivere le proprie opere di fotografia, pittura e scultura tramite questo sito da gennaio a metà giugno, indicativamente. Le premiazioni si svolgono nel mese di settembre presso il Parco Lina ed Angelo Nocivelli a Verolanuova (BS) e danno inizio ad una serie di mostre dedicate agli artisti del Premio Nocivelli.

Mostra TUTTA IN UN INCENDIO D’AMORE

La stagione delle mostre prosegue con l’inaugurazione, domani alle ore 11:00 di “Tutta in un incendio d’amore”, l’esposizione curata da Angelo Loda in sintonia con le caratteristiche del Museo Diocesano che vuole essere strettamente legato al proprio territorio e, nel contempo, fedele alla sua identità diocesana. L’intento, infatti, quello di far conoscere un dipinto eseguito nel Settecento dal bresciano Antonio Zanucchi poi dimenticato, ritrovato quasi per caso e restaurato dal proprietario, raffigurante la beata Maria Maddalena Martinengo, clarissa cappuccina bresciana, dotata di doni mistici e autrice di opere importanti per capire la devozione settecentesca italiana.
L’esposizione permette, da un lato, di accostare l’iconografia riguardante la Beata bresciana, dall’altro di far conoscere ai visitatori, attraverso l’arte, una figura non certo facile della storia religiosa bresciana. Tuttavia la sua scelta radicale di dedizione a Dio e le manifestazioni mistiche non la rendono estranea ad una tradizione cristiana che ha attraversato i secoli: vi si può riconoscere “l’amoroso nulla” di Innocenzo da Berzo, l’ardore della carità di Crocifissa di Rosa, e quella fiamma ardente di amore e solidarietà che ha animato schiere di uomini e donne bresciani, ammirevoli per la solidarietà vissuta a livello personale e sociale.
Non è fuori luogo ricordare quanto Giovanni Paolo II diceva ai giovani: “siate fuoco per incendiare il mondo”. Non per nulla questa mostra, visitabile fino al 25 luglio si intitola “Tutta in un incendio d’amore”, come scriveva la Martinengo.

Mostra MIGRANTES VIAGGIO TRA SOGNO E SOFFERENZA di Fabrizio Gandi

Lì, dove le immagini televisive non sono più capaci di emozionare, ebbene, a quel punto soltanto l’arte può ancora perturbare e sommuovere sentimenti, rivelare l’essenza di una tragedia umana e storica. L’arte di Fabrizio Gandi con la sua mostra di scultura “Migrantes. Viaggio tra sogno e sofferenza”, assume i contorni di un’unica grande installazione, di un racconto compatto e allucinato in cui le scene topiche dell’esodo, dalla partenza alla morte nel deserto, dalla gabbia di violenza al gommone, dalla rete di frontiera al naufragio, sono altrettante stazioni di una via crucis che non sfigurerebbe in un tempio moderno.

La mostra sarà visitabile al Museo Diocesano di Brescia – nel rispetto delle norme anti-covid – fino a domenica 18 luglio 2021 (dal martedì alla domenica con orario 16 – 19.30).